Caserta Turismo: luoghi e percorsi di Caserta e provincia Caserta Turismo: cultura, arte e storia Caserta Turismo: tradizioni, sapori ed eventi Caserta Turismo: letture varie
banner Caserta Turismo
 
Caserta Turismo: Castelli e fortificazioni
 

Rupecanina
Il sito di Rupe Canina si colloca in una posizione superba, a cavallo dei centri di S. Angelo d’Alife e Raviscanina, sulla sommità di una collina legata ai primi contrafforti del Matese, dalla quale domina l’intera Media valle del Volturno. Il castello medievale risulta esistente almeno dall’età normanna essendo stato, nella prima metà del sec. XI, teatro di scontri decisivi per la supremazia del Regno di Ruggero II.

Notizie storiche
Benché del castello non si abbia notizia durante l’Alto Medioevo, un sito di culto micaelico ubicato alla base della collina lascia ipotizzare l’esistenza di un insediamento già in età longobarda. Il primo feudatario documentato nel 1139 è Riccardo di Rave Canina, fratello del conte Rainulfo II Drengot-Quarel. Strenui oppositori di Ruggero II d’Altavilla, furono protagonisti di violente battaglie, una delle quali, nel 1135, ebbe come teatro proprio il baluardo di Rupecanina. Alla morte di Rainulfo, il feudo fu affidato a Malgerio, conte di Alife, come si evince dal Catalogus Baronum. La Rocca Sancti Angeli de Rupe Canina fu quindi nelle mani di Federico II, mantenendo intatto il suo potenziale strategico, tanto che ne fu affidata custodia all’Ordine dei Cavalieri Teutonici, mentre nello Statutum pro reparatione castrorum del 1241-45 si dispose che fosse riparata dagli uomini di S. Angelo, Prata, Ailano e Rocca di San Vito. Fu, quindi, feudo dei Marzano dal 1308. Nel 1437, oggetto di altri assedi, il castrum sembra essere già in una fase di accentuato declino demografico.

Dati caratteristici
Il castrum di Rupecanina ha il suo perno in un possente mastio quadrangolare, che è ubicato in posizione apicale ed è fulcro decentrato di una prima cinta muraria, di forma molto eterogenea, oggi provvista di un unico varco. Nel suo perimetro sono ubicati anche i ruderi di una struttura palaziale, una cappellina attualmente dedicata a Santa Lucia, e lacerti murari riferibili a strutture secondarie. Fuori dalla cerchia muraria sono i resti dell’abitato, che appare organizzato secondo un ritmo piuttosto serrato, in grado di supportare la difesa del castrum.
L’abitato era delimitato da una seconda cerchia muraria, localmente appoggiata sui resti di una cinta di probabile epoca sannitica e dotata di una serie di torrette quadrangolari, eccetto quella posta ad occidente, di maggiore mole, avente forma troco-conica e provvista di scarpa. Il mastio, realizzato in pietra calcarea locale, mostra le caratteristiche del classico donjon e, pertanto, è ritenuto di epoca normanna (la scarpa è un potenziamento di probabile epoca angioina). Oggi si presenta con tre livelli fuori terra, di cui quello terraneo certamente destinato a cisterna ed ingresso sopraelevato, un tempo raggiungibile solo per mezzo di strutture retrattili.
Danneggiato durante l’ultimo conflitto mondiale, quando già in precarie condizioni, fu oggetto, a partire dal 1965, di radicali interventi di restauro e ricostruzione (incluso il coronamento) estesi anche ad altre strutture. La cappellina, forse un tempo dedicata alla Vergine, fu ricavata da un torretta cilindrica della prima cerchia muraria e conserva, nell’abside, tracce di affreschi databili alla seconda metà del XII secolo.
Coerentemente alle fonti, non si rinvengono particolari apprestamenti deputati alla difesa dalle armi da fuoco, circostanza che conferma l’abbandono del centro entro la prima metà del XV secolo.

Bibliografia minima
G. Martone, Rupecanina, Napoli 1981
L. DI Cosmo (a cura di), S. Angelo di Ravecanina (CE). Un insediamento Medievale nel Sannio Alifano, Quaderni Campano – Sannitici. 2, Piedimonte Matese 2001


** Tratto dal sito web dell'Istituto Italiano dei Castelli

Caserta Turismo: Castelli e fortificazioni, Rupecanina   Caserta Turismo: Castelli e fortificazioni, Rupecanina
Caserta Turismo: Twitter Caserta Turismo: You Tube Caserta Turismo: WhatsApp Caserta Turismo: Facebook Caserta Turismo: Istagram Caserta Turismo: Linkedin
 
 
banner
Caserta Turismo: presentazione Caserta Turismo: sito web dell'associazione Canapa Sativa Caserta Caserta Turismo: chi siamo Caserta Turismo: collabora con noi Caserta Turismo: contatto Caserta Turismo: informativa e privacy Caserta Turismo: partner Caserta Turismo: crediti