Caserta Turismo: luoghi e percorsi di Caserta e provincia Caserta Turismo: cultura, arte e storia Caserta Turismo: tradizioni, sapori ed eventi Caserta Turismo: letture varie
banner Caserta Turismo
 
Caserta Turismo: Castelli e fortificazioni
 

Pietramelara
La torre e il borgo medioevale di Pietramelara sorgono sulle pendici settentrionali del Monte Maggiore, sopra ed intorno ad uno sperone di roccia calcarea, svettante al centro dell'ampia piana che dal monte si estende fino all'area vulcanica di Roccamonfina.

Notizie storiche
Pietramelara fu fondata in età longobarda, nel IX secolo, dai principi Landolfo e Adenolfo, che crearono un primitivo castrum, sebbene intorno all'abitato, siano state rinvenute necropoli sannitiche del VII - VI sec. a. C. che ne attestano un'origine ben più antica.
L'insediamento fece parte prima dei possedimenti della badia di Montecassino e, successivamente, del feudo della vicina Roccaromana. Alla morte di Filippo di Roccaromana, passò nelle disposizioni della Regia Corte che non molto tempo dopo la destinò in concessione. Pietramelara appartenne, quindi, a Eduardo Colonna ed in seguito a Federico Monforte, che fecero abbellire il castello trasformandolo da fortezza in un elegante palazzo, collegato ad un ampio parco. Nel marzo del 1496, la rocca cedette all'assedio degli Aragonesi che si diedero ad un cruento saccheggio nel quale perì gran parte della popolazione, mentre gli abitanti sopravvissuti furono tradotti in schiavitù.
I vincitori lasciarono libere soltanto sette famiglie che iniziarono la ricostruzione sulle rovine della città distrutta. Poco dopo la comunità di Pietramelara risultava eretta in Università con propri statuti e notevoli poteri di pertinenza feudale e il borgo si sviluppava nella sottostante pianura.

Dati caratteristici
E' in epoca normanna che venne costruito l'attuale impianto radiocentrico della Rocca, a cui si accede attraverso un'ampia arcata, con l'asse rappresentato da una torre in vetta, tuttora esistente, sebbene originariamente più alta. Il perimetro del borgo medioevale era segnato da un'ampia cinta muraria di forma ellittica stretta da 12 torri circolari, non scarpate.
Tale struttura testimonia che l'insediamento fu frutto di un'attenta pianificazione che presupponeva una rocca a difesa e controllo del territorio, il cui elemento centrale, che ancora si conserva, è il dongione quadrilatero normanno.
Dal lato dell'attuale ingresso della torre è ancora evidente la base scarpata. La tessitura muraria, in pietra calcarea, si presenta piuttosto irregolare, con blocchi di diverse dimensioni, ed è caratterizzata nei cantonali da un'orditura a blocchi di dimensioni maggiori, ovviamente legata a ragioni statiche; le aperture sono sottolineate da cornici in tufo.

Bibliografia minima
D. Caiazza, Archeologia e storia antica del mandamento di Pietramelara e del Montemaggiore, Pietramelara, 1986
D. Caiazza, Il sacco di Pietramelara nel 1496, Pietramelara, 1996


** Tratto dal sito web dell'Istituto Italiano dei Castelli

Caserta Turismo: Castelli e fortificazioni, Pietramelara   Caserta Turismo: Castelli e fortificazioni, Pietramelara
Caserta Turismo: Twitter Caserta Turismo: You Tube Caserta Turismo: WhatsApp Caserta Turismo: Facebook Caserta Turismo: Istagram Caserta Turismo: Linkedin
 
 
banner
Caserta Turismo: presentazione Caserta Turismo: sito web dell'associazione Canapa Sativa Caserta Caserta Turismo: chi siamo Caserta Turismo: collabora con noi Caserta Turismo: contatto Caserta Turismo: informativa e privacy Caserta Turismo: partner Caserta Turismo: crediti