Caserta Turismo: luoghi e percorsi di Caserta e provincia Caserta Turismo: cultura, arte e storia Caserta Turismo: tradizioni, sapori ed eventi Caserta Turismo: letture varie
banner Caserta Turismo
 
Distretto Turistico Caserta: presentazione
 
o Turistico Caserta: partecipazione alla BMT di Napoli edizione 2016

Caserta Turismo realizza, promuove e sostiene progetti culturali e iniziative di rilevanza regionale, nazionale e internazionale, realizzati anche in collaborazione con soggetti pubblici e privati.
Caserta Turismo sostiene progetti culturali in collaborazione con associazioni e realtà del territorio, promuove spettacoli teatrali, si impegna nel recupero di patrimoni artistici locali, organizza eventi per promuovere iniziative a favore della città.
Anche l'attenzione al recupero dei beni artistici del nostro territorio rappresenta un'attività in cui il Distretto Turistico Caserta crede fortemente.

 
Distretto Turistico Caserta: partecipazione al convegno sulla canapa a Santa Maria Capua Vetere   Distretto Turistico Caserta: partecipazione al convegno sulla canapa a Santa Maria Capua Vetere
Distretto Turistico Caserta: partecipazione al convegno sulla canapa a Santa Maria Capua Vetere   Distretto Turistico Caserta: partecipazione al convegno sulla canapa a Santa Maria Capua Vetere

Distretto Turistico Caserta: Forum "Ripartire con la cultura" a Santa Maria Capua Vetere
 
Distretto Turistico Caserta: verso il Distretto culturale di Terra di Lavoro, forum al Teatro Garibaldi

Verso il Distretto culturale di Terra di Lavoro: forum al Teatro Garibaldi
Grazie all’iniziativa di una rete di associazione e consorzi di imprese sociali - in programma presso il Salone degli Specchi del Teatro Garibaldi, lunedì 18 aprile dalle 16.00 alle 19.00 - viene organizzato per la prima volta un Forum sul tema “Ripartire con la cultura in Terra d Lavoro”. L’obiettivo è ambizioso: avviare un percorso per la realizzazione di un "distretto culturale evoluto", sul modello di altre realtà e buone pratiche europee e mondiali. Di fronte ai processi di crisi ed incalzati dalle sfide della globalizzazione, il sapere e la conoscenza diventano sempre più fattori di sviluppo locale (ecosostenibile) e di innovazione produttiva, sociale e civile. A tal fine l’obiettivo primario del Forum sarà quello di far emergere le potenzialità e le opportunità che possono essere estratte dal ricco patrimonio storico, artistico e di beni culturali diffuso sul nostro territorio. Già stanno pervenendo importanti contributi scritti che vengono offerti per far emergere e far conoscere – ma ancora di più per poter valorizzare e rendere fruibili i tesori e le eccellenze del nostro territorio, spesso abbandonati o sottoutilizzati per incapacità di chi gestisce e governa gli enti locali.
Nel Forum verrà data voce e visibilità alle narrazioni dei luoghi e delle piazze del sapere (librerie – biblioteche civiche – caffè letterari -che si vanno diffondendo, con un nuovo protagonismo dei cittadini e delle associazioni per diffondere e promuovere la cultura come fattore di coesione sociale e di apprendimento permanente. Sarà una sorta di stati generali per lanciare un vero e proprio Manifesto con obiettivi, contenuti e priorità progettuali.
Oggi è possibile intercettare risorse economiche e finanziarie grazie alle novità introdotte dal Governo con il progetto dell’Art Bonus (favorire il mecenatismo); ma anche alle nuove sperimentazioni di gestione partecipata e condivisa dei beni comuni (modello Labsus avviato a Bologna ed in altre città). In Campania la nuova Giunta ha finalmente approvato il nuovo piano di sviluppo culturale e turistico, fondato proprio sulla capacità di fare rete ed integrazione di competenze a livello territoriale tra cittadini ed istituzioni, tra imprese e università (attraverso progetti per poli e filiere territoriali).
Il Forum verrà aperto da una comunicazione a nome della rete di partenariato per il distretto culturale. Dopo i saluti istituzionali del Presidente della Provincia e della Commissaria EPT, vi saranno i contributi dell’on. Camilla Sgambato (Commissione Cultura della Camera), con alcune comunicazioni tematiche a cura di Antonella Agnoli (in video conferenza da Bologna), Daniela Borrelli (Le Piazze del Sapere), Tsao Cevoli (Archeologo) e Lucia Monaco della SUN.
Seguirà il dibattito con interventi programmati sulle buone pratiche (da quelle del Museo Campano alla Fondazione Carditello, dai Siti Reali Unesco a letture di gusto, ambiente, paesaggio ed enogastronomia, da Caserta Turismo a Pulcinellamente).

Distretto Turistico Caserta: verso il Distretto culturale di Terra di Lavoro, forum al Teatro Garibaldi   Distretto Turistico Caserta: verso il Distretto culturale di Terra di Lavoro, forum al Teatro Garibaldi
Distretto Turistico Caserta: verso il Distretto culturale di Terra di Lavoro, forum al Teatro Garibaldi   Distretto Turistico Caserta: verso il Distretto culturale di Terra di Lavoro, forum al Teatro Garibaldi
 
Distretto Turistico Caserta: "Ripartire con la cultura"
 
Distretto Turistico Caserta: Museo di Capua

Ripartire con la cultura
Con la sua recente intervista il prof. S. Maffettone ha delineato un vero e proprio manifesto programmatico, con proposte ed obiettivi attraverso cui la Campania può ripartire con la cultura, con progetti tesi a sostenere politiche ed azioni di sviluppo locale e di innovazione territoriale.
Per fare questo ci vogliono delle scelte istituzionali nette, come quella dichiarata per la definizione di una Legge Quadro Regionale "2015-2020 – La cultura per ripartire". Alla base vi è una precisa "logica del fare", in primo luogo affrontando le difficoltà che si riscontrano in molti settori, ed anche per superare la logica dell’emergenza della scarsità di risorse disponibili – magari con una diversa capacità di indirizzare quelle che possono arrivare dai programmi europei e nazionali del settore.
Ci sembrano convincenti anche gli indirizzi prioritari su cui lavorare: a partire da quello del diritto allo studio. Importanti sono i riferimenti al teatro ed allo spettacolo dal vivo, come pure al cinema ed all’audiovisivo, grazie anche ad attività di ricerca con le nuove tecnologie multimediali. Un occhio particolare viene rivolto alla musica (a partire dal San Carlo) e dagli altri teatri diffusi sul territorio. Non da meno sarà l’attenzione per i musei e le strutture per l’arte (a partire da quella contemporanea).
A questo punto mi permetto una sola nota critica che non mi convince: il riferimento all’eccessivo numero di biblioteche distribuite a livello regionale, che "bisogna ridurre" (parole di Maffettone). Al contrario, per dirla con Antonella Agnoli, io credo che va incrementata e qualificata l’offerta di luoghi di promozione della lettura e del sapere, per farli diventare spazi di socialità e di apprendimento permanente. Ed è il modello che ci permettiamo di suggerire in base alla nostra esperienza casertana che ci consente da alcuni anni di far fronte al vuoto delle istituzioni ed alla carenza di risorse economiche: grazie all’attività diffusa sul territorio delle Piazze del Sapere, che sono diventate dei veri centri cittadinanza attiva, di partecipazione consapevole, di studio dove è possibile promuovere la cultura come fattore di coesione sociale e di apprendimento permanente.
Trovo molto interessante il passaggio finale dell’intervista sull’apertura al Mediterraneo come ponte tra culture e mondi diversi. Ed anche su questo stiamo lavorando con una rete tra associazioni che per la prima volta cerca di creare nuove sinergie di conoscenze e di competenze. Il ruolo ed il protagonismo dei territori diventa decisivo per innervare il progetto regionale proposto dal prof. Maffettone. Ed è anche per questo obiettivo che la nostra rete – in collaborazione con altre importanti realtà attive sul territorio (come il Consorzio CasertaTurismo, Libera Libri, Pulcinellamente, alcuni editori e librerie) ha cominciato a lavorare per organizzare anche in Terra di Lavoro gli stati generali per ripartire con la cultura. Lanceremo questa proposta il 2 dicembre nella sede del Polo culturale della Provincia in occasione dell’Assemblea organizzata da Agenda 21 su "Carditello futura". Intendiamo fare tesoro di alcune buone pratiche – come quelle che hanno consentito di salvare dal degrado il Real Sito, a fianco del rilancio di beni storici inestimabili come l’Anfiteatro ed il Museo Campano. L’avvio del riscatto e la rinascita avviati nelle terre una volta note come Gomorra è stato reso possibile dall’uso sociale e produttivo dei beni confiscati, con casi emblematici come quelli realizzati nella casa di don peppe Diana con la Mostra "La bellezza vince l’ombra" a Casal di P. ed il centro di aggregazione giovanile ed artistica a Casapesenna.
Di fronte a questo scenario si può ben dire che si va diffondendo un nuovo format di fare cultura, più moderno ed efficace. Come si può notare dai tanti eventi programmati emerge una novità positiva: una volontà e innovativa capacità del mondo delle associazioni e del terzo settore di fare rete, di cooperare con una intelligente integrazione tra saperi ed esperienze, anche per fare tesoro delle buone pratiche di tutela e valorizzazione dei beni comuni. Stanno nascendo dei poli turistico-culturali che possono favorire la capacità attrattiva e di fruizione delle tante bellezze ed eccellenze. Da qui prende corpo un modo diverso di fare politica, di legare insieme cultura e sociale (di creare anche nel territorio campano un "Vivaio Sud" – come si intitola un importante progetto promosso dalla Fondazione Mecenate 90, in raccordo con il FTS Nazionale e Fondazione con il Sud).

Distretto Turistico Caserta: dalle Piazze del Sapere ai Poli Turistici
 
Distretto Turistico Caserta: il Giardino ingle, particolare, il Criptoportico

Dalle Piazze del Sapere ai Poli Turistici
Negli ultimi anni va segnalata una dicotomia nei processi sociali ed economici della nostra Provincia. Da un lato permane uno stato desolante della politica locale senza idee e progetti, incapace di esprime una classe dirigente competente in grado di governare gli enti e le istituzioni per far fronte alle nuove sfide dell’era della conoscenza e della globalità. Si veda il caso del comune capoluogo, ridotto in uno stato di dissesto finanziario e sciolto per le beghe interne della maggioranza di centro destra.
Dall’altro lato, va segnalata una rinnovata quanto sorprendente attività promossa dalla rete di associazioni che sono attive in tante librerie e centri culturali in numerosi comuni di Terra di Lavoro. Grazie alla collaborazione con il mondo del terzo settore e del volontariato si produce cultura in tanti luoghi che sempre più diventano centri di cittadinanza democratica. In questo modo si rende possibile superare anche i vincoli della scarsità di risorse e di impegno da parte delle istituzioni locali. Basta guardare al miracolo realizzato a Casal di Principe con la Mostra "La luce vince l’ombra", che segna una rinnovata volontà di riscatto in quelle terre finora tristemente note come regno di Gomorra o dei fuochi. Nello stesso tempo va evidenziata la costante attività della rete delle Piazze del Sapere, che attraverso centinaia di incontri e di eventi promuove la cultura come fattore di coesione sociale e di educazione permanente. Il programma si arricchisce e cresce in qualità sia per la presenza di autorevoli esponenti del mondo del sapere e della letteratura sia per la partecipazione sempre più consapevole di tanti cittadini, che vivono la libreria Feltrinelli (ma anche altri luoghi come le biblioteche e caffè letterari) come occasioni di socialità e di crescita civile. Con queste iniziative spesso si colmano dei vuoti in alcune zone dove regnano ancora il degrado e l’abbandono di tanti tesori e beni storici o ambientali. In questa direzione vanno anche alcuni progetti come quelli avviati con l’uso sociale e produttivo dei beni liberati dal dominio camorristico, trasformati in centri di accoglienza e fornitura di servizi sociali.
Inoltre, va sottolineata la novità molto interessante del recente Consorzio Caserta Turismo, nato dalla volontà di cooperare e fare rete di diverse strutture legate alle Pro Loco. Basta curiosare un poco nel ricco portale che hanno realizzato i promotori (tra cui Umberto Riccio, che è stato anche artefice della nascita delle Piazze del Sapere) per cogliere l’originalità e la ricchezza di idee e progetti che da alcuni mesi stanno portando avanti. Alcuni sono di grande attualità e forte ricaduta sociale, anche di impatto economico, come quello per il rilancio della canapa (che oggi può ritornare in voga sia sul piano industriale ma ancor più su quello ambientale per le bonifiche di alcuni territori devastati). Quello che colpisce in questo progetto è la capacità e volontà di fare integrazione di forze e di competenze per dare vita a percorsi di cui finora si è tanto parlato: come l’idea dei poli turistici e di un distretto culturale evoluto (riprendendo le indicazioni avanzate da un ambizioso progetto realizzato da Aislo "Ri-conoscere Caserta", che poi è rimasto chiuso nei cassetti della Provincia che fu l’ente committente).
Su questi percorsi si è avviato un confronto tra i responsabili del Consorzio con il Portavoce del FTS Casertano e le Piazze del Sapere per avviare nuove forme di collaborazione e di sinergie tra le due reti, sia con lo scambio di buone pratiche già in atto, ma soprattutto con la partecipazione e contributi di competenze ai prossimi eventi. A partire dalla fiera Caserta in vetrina, un viaggio nel territorio, che si terrà su iniziativa del consorzio nel Polo Culturale di Villa Vitrone tra fine novembre e inizio dicembre di quest’anno. Seguiranno altri ambiziosi progetti come quello di realizzare nella prossima primavera un salone dell’Editoria Sociale "Letture di gusto. Libri,cibo e territorio"; come il Laboratorio di economia civile e finanza etica, con i massimi esperti di queste tematiche (di grande attualità, ma spesso poco conosciute); come il Festival della poesia che va oltre il degrado, da fare a Castel Volturno con le scuole.
In alternativa al vuoto della politica e delle istituzioni, sono esempi virtuosi che dimostrano che con la cultura si può ripartire anche in Terra di Lavoro per creare sviluppo ed innovazione, per dare qualche speranza di riscatto soprattutto ai giovani.

Distretto Turistico Caserta: Parco dell'aerospazio, incontro con il Forum del Terzo Settore di Caserta

 
Distretto Turistico Caserta: Parco dell'aerospazio al Macrico

Parco dell’Aerospazio: incontro con il Forum del Terzo Settore di Caserta
Il Parco dell’Aerospazio di Caserta sorgerà con gli stimoli e le osservazioni condivise con i rappresentanti del Forum del Terzo Settore. Oggi, infatti, presso la sede del CIRA di Capua, Luigi Carrino, Presidente del DAC - Distretto Aerospaziale della Campania, e Francesco Polverino, Professore di Architettura dell’Università di Napoli Federico II, hanno illustrato ad una qualificata delegazione di rappresentanti del Forum del Terzo Settore di Terra di Lavoro, il progetto per un parco tematico dedicato al settore aerospaziale e discusso con essi dei prossimi passi da mettere in campo. Erano presenti, in particolare, il Portavoce del Forum del Terzo Settore e i componenti dell’Esecutivo FTS Casertano, dell’ISSR S. Pietro Diocesi, dell’Anolf Cisl, dell’Acli Provinciale e Acli Terra, dell’AIF Campania (Associazione Italiana Formatori), del Consorzio SVIMER, della UISP Provinciale e del Consorzio CasertaTurismo. All’incontro ha partecipato anche un gruppo di giovani ricercatori che stanno lavorando alla progettazione della struttura, per la prima volta ideata nel nostro Paese.
"Sono felice di condividere con i rappresentanti del territorio e del terzo settore un progetto di sviluppo urbano che è allo stesso tempo un investimento culturale", ha detto il Presidente del DAC, Luigi Carrino. "Gli stimoli che sono venuti dall’incontro di oggi dimostrano il grande interesse e la forte partecipazione che c’è intorno alla realizzazione del Parco. Si tratta di riflessioni che meritano attenzione e che ci permettono di costruire un progetto per il futuro nel quale tutti o molti si riconoscono", ha aggiunto Carrino.
Per Pasquale Iorio, Portavoce del Forum del Terzo Settore, che aveva manifestato l’esigenza di coinvolgere la più ampia partecipazione dei cittadini e delle forze sane e produttive della città di Caserta: "Il progetto del Parco è sicuramente un investimento di qualità, che porterà interessanti ricadute sul piano economiche e nuove opportunità per i giovani e che - grazie all’avvio di una discussione condivisa - può ora rappresentare un’occasione importante di sviluppo e di innovazione per la città capoluogo, per la sua conurbazione e per tutti quelli che in questo territorio, vivono, studiano ed investono".

 
Distretto Turistico Caserta: UniTre Università delle Tre Età di Caserta
 
Distretto Turistico Caserta: UniTre Università delle Tre Età di Caserta inaugurazione anno accademico 2015-2016   Distretto Turistico Caserta: UniTre Università delle Tre Età di Caserta inaugurazione anno accademico 2015-2016
Distretto Turistico Caserta: UniTre Università delle Tre Età di Caserta inaugurazione anno accademico 2015-2016   Distretto Turistico Caserta: UniTre Università delle Tre Età di Caserta inaugurazione anno accademico 2015-2016
Caserta Turismo: Twitter Caserta Turismo: You Tube Caserta Turismo: WhatsApp Caserta Turismo: Facebook Caserta Turismo: Istagram Caserta Turismo: Linkedin
 
 
banner
Caserta Turismo: presentazione Caserta Turismo: sito web dell'associazione Canapa Sativa Caserta Caserta Turismo: chi siamo Caserta Turismo: collabora con noi Caserta Turismo: contatto Caserta Turismo: informativa e privacy Caserta Turismo: partner Caserta Turismo: crediti